Il portale del turismo in provincia di Salerno, scopri il territorio e prenota la tua vacanza
 NAVIGA PER:   DOVE ALLOGGIARE  - LA PROVINCIA DI SALERNO  - TEMATISMI - ITINERARI - EVENTI - MAPPE                  HOME  Welcome Page
Sei : Welcome Page / costieraamalfitana / comunipenisolaamalfitana / tramonti / tramonti /
testo su immagine
Tematismi
testo su immagine
Territorio
testo su immagine
Le Zone
testo su immagine
 Cerca Cerca  
 
 Zona
 Località
 Struttura


Previsioni Meteo

testo su immagine
<< LUGLIO  2017 >>
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31
testo su immagine
  Italiano Inglese Spagnolo  

 

Comune di Tramonti


Tramonti



Deviando dalla linea di costa, attraverso una strada panoramicissima che culmina in un luogo di rara bellezza, il Valico di Chiunzi, si raggiunge il borgo montano di Tramonti. La vocazione contadina delle tredici frazioni rende questo paese l'interprete più autentico delle antiche tradizioni della Costiera Amalfitana. Qui l'arte dell'impagliatura è praticata ancora oggi dai cestari che vivono tra i borghi di Figline, Corsano e Cesarano. Nelle piccole botteghe, i vecchi artigiani (i cui lavori da qualche anno sono conosciuti nel mondo) lavorano listelli di legno sfibrato e cotto al forno tenendo così in vita un antico e caratteristico mestiere.

I tredici borghi montani sono uniti da un altro entusiasmante (e succulento, sotto tutti i punti di vista...) itinerario. E' quello del latte vaccino e dei suoi derivati (fiordilatte, mozzarella, provola, formaggi): da Cesarano a Campinola, da Capitignano a Gete, la filiera segue ancora i metodi tradizionali. E scovare oggi gli ultimi casari in questo immenso polmone verde della Costa d'Amalfi non è semplice, perchè i loro piccoli laboratori sono per lo più nascosti tra i grappoli di case che si arrampicano lungo i fianchi delle colline. Fatevene indicare qualcuno dalla gente del posto, ospitalissima e disponibile: non ve ne pentirete.

Anche qui la storia cittadina si può scrivere attraverso l'architettura religiosa: chiese e conventi, quasi tutti autentici scrigni d'arte.
Il Convento di San Francesco, nella frazione di Polvica, fu fondato dai padri francescani nel 1474 e al suo interno presenta un trittico in bassorilievo e degli affreschi del Bocchetti.
La Cappella Rupestre, nella frazione di Gete, denominata anche "Madonna delle Grazie", è di stile gotico con tratti romanici, e fu eretta tra l'VIII e il XII secolo.
Allo stesso periodo risale la Chiesa di San Pietro, nella frazione di Figline. La parte absidale dell'antico monumento, di stile bizantino, esisteva infatti già dall'VIII secolo, mentre quella centrale, molto più ampia, presenta due absidi laterali con affreschi che valorizzano il complesso.

 

 

 

 

testo su immagine