NAVIGA PER:   DOVE ALLOGGIARE  - LA PROVINCIA DI SALERNO  - TEMATISMI - ITINERARI - EVENTI - MAPPE                  HOME  Welcome Page
  • Salerno
  • Positano
  • Battistero
  • Paestum
  • Palinuro
bh_011 bh_022 bh_033 bh_044 bh_055
 
testo su immagine
 Cerca Cerca  
 
 Zona Turistica
 Località
 Struttura
Agenda Eventi della provincia di Salerno
<< MAGGIO  2017 >>
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31
testo su immagine
Scegli la lingua  Italiano Inglese Spagnolo  

La speleologia in provincia di Salerno

Vai alla cartina

La speleologia in provincia di SalernoLa speleologia in provincia di Salerno rappresenta uno degli innumerevoli attrattori per i turisti italiani e stranieri.

Non si può infatti non restare affascinati anche dai numerosi siti speleologici presenti sul territorio salernitano, dalla Costiera Amalfitana al Cilento.

Grotte, anfratti, piccole caverne: tutto testimoniaze della grandezza e la magia della natura, luoghi ancora incontaminati dove l’opera degli speleologi ha creato itinerari creati appositamenti per lo speleo – turismo.

Le più famose, conosciute in tutto il mondo, sono senza dubbio le Grotte dell'Angelo a Pertosa e quelle di Castelcivita, nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, aperte tutto l’anno e visitabili con l’ausilio di guide specializzate.
Altrettanto interessanti sono anche le due grotte marine più importanti della provincia di Salerno: la Grotta dello Smeraldo a Conca de’ Marini in Costiera Amalfitana, e la Grotta Azzurra di Palinuro, rinomato centro turistico del Cilento.

All’ingresso del Vallo di Diano, nel Cilento, sono situate le Grotte dell'Angelo a Pertosa, le più importanti dell'Italia del sud, e le uniche ad essere attraversate da un fiume sotterraneo.
Le Grotte, utilizzate anticamente come luogo di culto cristiano, sono anche dette “Grotte dell’Angelo”.
Dopo una suggestiva traversata in barca, le Grotte si snodano nel cuore del Cilento, in un'affascinante serie di cunicoli e sale naturali.
Ma le Grotta dell'Angelo di Auletta/Pertosa sono anche la sede suggestiva di due eventi importanti, che animano ogni anno l’estate cilentana: il Negro Festival, consolidata kermesse di musica, arte, cultura e natura, e “L’Inferno di Dante nelle Grotte di Pertosa”, durante il quale il pubblico "vive" le grotte, e, interagendo con gli attori, diventa egli stesso protagonista dell'opera del sommo poeta.

Alle pendici dei Monti Alburni, sempre all’interno del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano,  si trova  l’ingresso delle Grotte di Castelcivita, che offrono, per 4.200 metri, paesaggi magici e irreali, misteriosi e affascinanti, che rendono le Grotte una delle mete più ambite dello speleo – turismo.
Le  Grotte di Castelcivita, visitabili per 1.700 metri circa, sono un susseguirsi di gallerie, saloni, strettoie, un paesaggio incantevole dove la natura ha dato sfoggio di tutta la sua magia e fantasia: il grande presepe e la Pagoda, sono solo alcune delle forme più suggestive che la natura ha saputo creare.
Vanto del turismo del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, le Grotte di Castelcivita rappresentano un patrimonio, dal punto di vista speleologico e naturalistico, di inestimabile valore: uno spettacolo la cui bellezza può essere ammirata soltanto visitandole e immergendosi nell’atmosfera calda e accogliente dell’offerta turistica cilentana.

Nella splendida atmosfera della Costiera Amalfitana, direttamente nello specchio d’acqua cristallina sul quale si affaccia la cittadina di Conca de’ Marini, è d’obbligo una visita alla Grotta dello Smeraldo , meta di sub provenienti da ogni parte del mondo, il cui nome deriva dalla particolare rifrazione della luce che filtra dalle rocce, si può visitare mediante piccole imbarcazioni.
Al suo interno poi, un suggestivo presepe sommerso, rende se è possibile l’atmosfera ancora più affascinante.

Spostandosi più a sud nella provincia di Salerno, in uno dei tratti più belli della Costiera Cilentana, nel Comune di Palinuro, vero fiore all’occhiello dell’offerta turistica cilentana, è possibile ammirare la Grotta Azzurra, detta così per il tipico colore dell’acqua, importante non solo dal punto di vista speleologico, ma anche da quello prettamente naturalistico, grazie ad una incontaminata fauna marina.


testo su immagine
testo su immagine
testo su immagine
  Valid xhtml  Valid Css