Il portale del turismo in provincia di Salerno, scopri il territorio e prenota la tua vacanza

 NAVIGA PER:   DOVE ALLOGGIARE  - LA PROVINCIA DI SALERNO  - TEMATISMI - ITINERARI - EVENTI - MAPPE                  HOME  Welcome Page
Sei : Welcome Page / homecilento / comunicilento / moiodellacivitella /
testo su immagine
Territorio
testo su immagine
Le Zone
testo su immagine
 Cerca Cerca  
 
 Zona
 Località
 Struttura
Agenda Eventi della provincia di Salerno
<< NOVEMBRE  2019 >>
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

     Comune di Moio della Civitella

Stemma del comune di Moio della Civitella

Moio della Civitella


Il Comune di Moio della Civitella, sorge fra le colline del Cilento, all’interno del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Per raggiungere Moio della Civitella è necessario percorrere l'Autostrada Salerno-Reggio Calabria, uscire allo svincolo di Battipaglia ed immettersi sulla SS 18 in direzione di Vallo della Lucania; in treno fino alla stazione ferroviaria più vicina di Vallo Scalo.

Moio della Civitella è un borgo dalle origini remotissime, risalenti all'epoca cosiddetta Enotria (Età del Bronzo): sulla collina della Civitella sono state individuate tracce di un'ara sacrificale e di una vasca lustrale. Anche se le prime testimonianze scritte dell'abitato di Moio risalgono all'anno Mille, è certo che sul territorio, intorno al IV secolo a.C., vi fu un insediamento greco. Le prove sono rintracciabili nella tutt'altro che minuscola area archeologica della Civitella, al centro della quale giganteggia un frurion di Velia.

Oggi l'abitato è articolato nei borghi di Moio e Pellare. Il primo offre alla curiosità culturale del turista la Cappella dell'Annunziata, detta anche Madonna della Civitella, e le imponenti strutture, ormai diroccate, di un vecchio mulino ad acqua. A Pellare, invece, meritano una visita le chiese di San Bartolomeo, risorta alla fine del XVIII secolo dalle ceneri di un antichissimo tempio romanico e di San Francesco, risalente al 1500.

Ospitato in un antico convento della frazione Pellare appositamente ristrutturato, il Museo della Civiltà Contadina di Moio della Civitella è, per qualità e varietà espositiva, tra i più importanti dell'Italia Meridionale. Otto le sezioni: domestica, tessile, olivicola, cerealitica, vinicola, calzolaio, storica del Risorgimento, religiosa. In esposizione, attrezzi di uso comune che, da soli, rappresentano la memoria di ciò che è stato il Cilento almeno fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale.

Di particolare interesse è anche la cinta muraria, della quale resta visibile la porta che consentiva l’accesso, dal lato meridionale, all’abitato della Civitella.
La porta è costituita da un lungo e stretto corridoio che porta ad un vano rettangolare che, a sua volta, si restringe nel vero e proprio ingresso chiuso dalla porta di legno di cui rimangono i cardini tagliati nella pietra .


 
 
Info Utili
Comune di Moio della Civitella: tel. 0974/66118
testo su immagine