Il portale del turismo in provincia di Salerno, scopri il territorio e prenota la tua vacanza

 NAVIGA PER:   DOVE ALLOGGIARE  - LA PROVINCIA DI SALERNO  - TEMATISMI - ITINERARI - EVENTI - MAPPE                  HOME  Welcome Page
Sei : Welcome Page / costieraamalfitana / comunipenisolaamalfitana / furore / furore /
testo su immagine
Tematismi
testo su immagine
Territorio
testo su immagine
Le Zone
testo su immagine
 Cerca Cerca  
 
 Zona
 Localit√†
 Struttura


Previsioni Meteo

testo su immagine
<< NOVEMBRE  2014 >>
D L M M G V S
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30
testo su immagine
  Italiano Inglese Spagnolo Francese Tedesco Russo Giapponese  

 

  Comune di Furore

 


 

Furore - veduta

Furore per la sua conformazione, articolata in case bianche sparse  lungo il pendìo intensamente coltivato a viti e olivi, è stato denominato il "paese che non c'è". Ma Furore è un vero e proprio museo all'aperto: con i suoi murales "en plein air" è entrato a far parte dei percorsi turistici che espongono l'arte sulle pareti esterne delle case o sui muri a secco dei terrazzamenti.

Il toponimo viene da Terra Furoris,  per il vino doc che vi si produce e per l'incanto naturale del celebre Fiordo, collocato ai piedi della vallata raggiungibile direttamente da una lunga scala a gradoni o attraverso la statale 163. Sul Fiordo ogni anno si tiene una spettacolare gara di tuffi, con atleti provenienti da tutto il mondo.

Furore - fiordoLuogo magico e incantato, dove persino i ciottoli della marina sono intrisi di storia e leggende, Furore fu in passato location per numerosi capolavori cinematografici. Su tutti, quelli del Neorealismo italiano che ebbe in  Rossellini il suo esponente più rappresentativo. Durante l'idillio con Anna Magnani, il grande regista s'innamorò a tal punto di Furore da acquistare due monazeni, oggi ristrutturati dal Comune insieme alla cartiera e allo spanditoio, trasformato in ecomuseo.

Le meraviglie naturali non sono l'unico punto forte di Furore. In questo borgo di poche centinaia di anime la storia è scolpita nelle mura degli edifici sacri, come le chiese di San Giacomo, San Michele Arcangelo (sono visibili dalla provinciale che conduce ad Agerola) e Sant'Elia che presentano notevoli motivi di interesse. Quest'ultima, ubicata nell'omonima frazione, risale ad epoca antichissima e conserva tuttora sia gli interventi eseguiti nel Quattrocento che i successivi ampliamenti barocchi. Un importante trittico quattrocentesco, raffigurante la Madonna col Bambino, S. Elia e S. Bartolomeo, opera di Angelo Antonelli da Capua del XV secolo, è il vanto della parrocchia.

Ancorchè minuscola, o forse proprio per questo motivo, la spiaggia di Furore è semplicemente incantevole. Attraverso un camminamento scavato nella roccia, i nottambuli possono raggiungere uno dei locali cult della movida costiera: l'Africana, night club che nei mitici anni Sessanta fu, per la Costiera, l'equivalente della Capannina per la Versillia. Il famoso locale notturno segna il confine con Praiano.

 




testo su immagine