Il portale del turismo in provincia di Salerno, scopri il territorio e prenota la tua vacanza

 NAVIGA PER:   DOVE ALLOGGIARE  - LA PROVINCIA DI SALERNO  - TEMATISMI - ITINERARI - EVENTI - MAPPE                  HOME  Welcome Page
Sei : Welcome Page / homecilento / comunicilento / caselleinpittari /
testo su immagine
Territorio
testo su immagine
Le Zone
testo su immagine
 Cerca Cerca  
 
 Zona
 Località
 Struttura
Agenda Eventi della provincia di Salerno
<< OTTOBRE  2019 >>
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31

     Comune di Caselle in Pittari

Stemma del comune di Caselle in Pittari

 


Caselle in Pittari è un piccolo Comune che sorge su una conca del fiume Bussento nel Cilento meridionale. Per raggiungere il Comune dell'entroterra cilentano in auto è necessario percorrere l'autostrada A3 SA-RC fino allo svincolo di Buonabitacolo, e poi percorrere la SS 517 fino al bivio Caselle in Pittari. La stazione ferroviaria più vicina è quella di Sapri. E' inoltre garantito un servizio autobus di autolinee pubbliche e private.
 
Prima di raggiungere l'abitato di Caselle in Pittari è consigliabile una sosta tra gli scavi dell'area archeologica di Laurelli, dove sono stati portati alla luce i resti di un sito lucano del IV secolo a.C. A monte del centro abitato sorge il Santuario rupestre dedicato a San Michele Arcangelo. Costruito nell'XI secolo, il Santuario è praticamente costituito da due grotte distanti pochi metri. Quella di San Michele ospita un altare policromo alle cui spalle, in una nicchia, è collocata una statua del Santo. A sinistra dell'altare si trova un antico bassorilievo in pietra di San Michele.
Il territorio è inoltre ricco di bellezze naturalistiche e archeologicheLe bellezze naturali del Comune cilentano sono rappresentate dal Bosco Ficarola, popolato da alberi di castagno e ontano napoletano con un ricco sottobosco, dal Fiume Bussento, che si arricchisce delle acque di 13 sorgenti dette “le 13 fistole”, dal lago artificiale in località Sabetta , ricchissimo di pesci di acqua dolce.
 
Di notevole interesse sono le zone archeologiche rinvenute in località Lovito e in località Citera.
Si tratta di resti di un centro abitato lucano risalente al V secolo a.C., abbandonato poi nel III secolo a.C. dopo la conquista dei Romani, e di una necropoli.




testo su immagine