Il portale del turismo in provincia di Salerno, scopri il territorio e prenota la tua vacanza

 NAVIGA PER:   DOVE ALLOGGIARE  - LA PROVINCIA DI SALERNO  - TEMATISMI - ITINERARI - EVENTI - MAPPE                  HOME  Welcome Page
Sei : Welcome Page / homeagromontipicentini / comuniagromontipicentini / castiglionedelgenovesi / castiglionedelgenovesi /
testo su immagine
Tematismi
testo su immagine
Territorio
testo su immagine
Le Zone
testo su immagine
 Cerca Cerca  
 
 Zona
 LocalitÓ
 Struttura


Previsioni Meteo

testo su immagine
<< MARZO  2017 >>
D L M M G V S
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31
testo su immagine

  Comune di Castiglione Del Genovesi



Ordinò la loro immissione nel possesso dei nuovi feudi, la prestazione del giuramento di fedeltà da parte dei vassalli e fissò l'aumento del servizio da prestarsi a suo figlio.
In seguito, Castiglione fu dominio dei fratelli Odorisio e Gualtiero di Aversa, i quali, ribellatisi al Sovrano, ne furono privati ed il feudo fu assegnato a Giacomo Bursone, signore di Satriano e di Giffoni.

Il 7 aprile 1346 la regina Giovanna I confermò ai Casali di Salerno, ed in particolare a San Cipriano e Castiglione, il "privilegio di Regio Demanio”, considerandoli come parte integrante della città di Salerno. Nel 1395 Re Ladislao concedette al nobile Nicolò Santo Mango e ai fratelli Landolfo e Martuccio i feudi di Filetta, San Cipriano e Castiglione, confiscati nel 1392 al ribelle Luise della Porta.

Privilegio che fu confermato nel gennaio 1442 da Alfonso d'Aragona, e, per oltre un secolo, le sorti dei paesi furono legate a quelle dei Baroni di Santo Mango. Castiglione entrò, quindi, a far parte della baronia di San Cipriano e ne seguì le vicende feudali.

La baronia passò, successivamente, alla famiglia D'Avalos e nel 1594 lo stato di Giffoni e la baronia di San Cipriano furono venduti da Isabella D'Avalos, marchese di Pescara e del Vasto, a Matteo di Capua, Principe di Conca, per 265.000 ducati. Da Cesare di Capua, figlio di Matteo, i feudi passarono poi, nel 1628, a Francesco Figueras De Abros, il quale nel 1648 li rivendette per 204.475 ducati a Carlo Doria, duca di Tursi.

Dalla famiglia Doria del Carretto i feudi nel 1750 passarono all'altro ramo, i Doria Landi-Pamphyli, principi di Melfi, che ne furono signori sino all'abolizione della feudalità (1806).

Già territorio della Provincia del Principato Citeriore di Salerno, con l'unità d'Italia Castiglione seguì le vicende politiche del limitrofo comune di San Cipriano Picentino, cui fu legato amministrativamente dal 1929 al 1946, quando ridiventò Comune autonomo con Regio Decreto n. 190 del 29 marzo 1946.



testo su immagine