Il portale del turismo in provincia di Salerno, scopri il territorio e prenota la tua vacanza

 NAVIGA PER:   DOVE ALLOGGIARE  - LA PROVINCIA DI SALERNO  - TEMATISMI - ITINERARI - EVENTI - MAPPE                  HOME  Welcome Page
Sei : Welcome Page / homecilento / comunicilento / camerota /
testo su immagine
Territorio
testo su immagine
Le Zone
testo su immagine
 Cerca Cerca  
 
 Zona
 Località
 Struttura
Agenda Eventi della provincia di Salerno
<< SETTEMBRE  2019 >>
D L M M G V S
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30

     Comune di Camerota


Stemma del comune di Camerota

Camerota - Spiaggia

Il Comune di Camerota , patrimonio dell’Unesco, si trova in provincia di Salerno, all’interno del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.

Camerota deve il nome alla presenza sul territorio di numerose grotte adibite a camere e magazzini: Kammaratos, in greco "fatto a volta". Moltissime sono le tracce di insediamenti risalenti al periodo neolitico; i Greci vi si cominciarono a stabilire a partire dall'VIII secolo a.C., almeno un paio di secoli prima, quindi, delle fondazioni di Poseidonia ed Elea. Posta su una collina circondata da una foltissima vegetazione, Camerota è difesa su tre lati da aspri dirupi naturali e conserva ancora i resti delle mura merlate e del castello che, nel 909, divenne roccaforte saracena.

Il paese ebbe il suo momento di massimo splendore quando il monastero italo-greco di San Conore divenne, per intercezione dell'imperatore bizantino presso il patriarca di Costantinopoli, sede di calogerato, con giurisdizione su molte chiese del territorio. Oltre ai ruderi del castello medievale e al bellissimo centro storico, meritevoli di approfondite visite sono il Convento dei Cappuccini, la Grotta di San Biagio, fuori del centro abitato, le numerose chiese di cui è disseminato il territorio comunale: San Daniele, San Nicola, Santa Maria delle Grazie, la Cappella di San Gennaro. Nella contrada San Vito sopravvive l'attività di lavorazione della creta con mezzi rudimentali, per la quale viene riconosciuta agli artigiani locali la stessa maestria degli antichi vasai greci.

A Marina di Camerota la bandiera blu per le acque più cristalline del Continente è di casa da anni. Non c'è assolutamente da sorprendersi, dunque, se questa "perla" adagiata lungo una scogliera che, dagli ultimi anfratti di roccia di Palinuro si estende fino alla spettacolare Punta degli Infreschi, contenda alla più celebrata "vicina" il primato delle presenze turistiche ogni anno. Di particolare suggestione è la Spiaggia della Barca a Vela, il cui scoglio (della caratteristica forma da cui il nome) si erge al centro della vasta distesa sabbiosa. Anche Marina di Camerota, come Palinuro, ha un'incredibile varietà di grotte. Le più note sono quattro: Grotta Cala, Grotta Sepolcrale, Grotta della Serratura e Grotta del Noglio. A parte il porticciolo, decisamente civettuolo, Marina di Camerota offre al turista la visita di un borgo tipicamente marinaro, con gli usi e le tradizioni proprie di questo tipo di villaggi. Sulla bella piazzetta, lastricata in pietra, al centro del paese, si erge la Chiesa di Sant'Alfonso, inaugurata nel XIX secolo.

Superata Marina di Camerota, la scogliera si protende verso il mare, formando Punta degli Infreschi. Ancora miracolosamente immune dagli insediamenti umani, è uno dei siti di maggiore suggestione dell'intero Cilento costiero. Un angolo di paradiso al centro del quale si apre un approdo naturale, meta di numerosissimi diportisti in ogni stagione dell'anno, e protetto da banchi di roccia contro cui si rompono le spumeggianti onde di un mare incredibilmente azzurro. E' la seconda oasi marina protetta del Cilento, di recentissima istituzione: nelle acque di questa splendida baia non è raro imbattersi in banchi di delfini, attirati dalla straordinaria abbondanza di pesce azzurro e cefalopodi.

Celebri sono anche le frazioni di Camerota come Licusati, dove i monaci benedettini insegnarono alla popolazione l'arte di coltivare la terra. Il villaggio sorse a poche decine di metri dall'Abbazia di San Pietro, i cui resti sono ancora visibili. Al secolo XV risale il monumento più rappresentativo di questa minuscola frazione di Camerota: il Castello Montelmo. Meritano una visita, comunque, anche la Chiesa parrocchiale, i numerosi vecchi frantoi ancora perfettamente conservati, e la Mostra permanente della Civiltà Contadina. Lentiscosa è invece "introdotta" dal Santuario di Santa Rosalia e, morfologicamente, è un vero e proprio balcone spalancato sul mare, a quota 273 metri. L'impianto urbanistico è a tipica pianta medievale, il cui nucleo è rappresentato dalla Chiesa madre di Santa Maria ad Martyres (XV secolo), che conserva molti affreschi coevi alla fondazione. Una sosta la meritano anche i ruderi dell'antico (IX secolo) monastero di San Basilio, fuori dal centro abitato.

Info Utili:
Comune di Camerota
testo su immagine